News & Blog

Micosi alle unghie dei piedi (onicomicosi) e rimedi naturali Made in Como

Micosi alle unghie dei piedi (onicomicosi) e rimedi naturali Made in Como

Le infezioni della cute possono essere di tipo batterico, virale, fungino o parassitario. Tra queste, le micosi rientrano nella lista delle patologie cutanee più diffuse durante la primavera e l’estate. Tra le micosi c’è una forma, la micosi ungueale (o onicomicosi) che è spesso a torto sottovalutata ma che colpisce attualmente ben 7 milioni di italiani. Tale patologia, che si contraddistingue per la comparsa di “funghi alle unghie” è una patologia che può produrre degli effetti estetici, psicologici e fisici a dir poco sgradevoli.

Cos'è la micosi? 

Con il termine micosi si indica un gruppo di patologie dovute ad infezioni fungine che possono esserecutanee (le più diffuse), sottocutanee e sistemiche, a seconda che il fungo invada la cute o tessuti e organi interni. Le micosi cutanee causate da funghi appartenenti al gruppo dei dermatofiti sono le più comuni e vengono chiamate dermatofitosi. I dermatofiti comprendono membri del genere Trichophyton, Microsporum e Epidermophyton.  Le micosi cutanee causate da funghi non appartenenti al gruppo dei dermatofiti vengono invece chiamate dermatomicosi. Anche i lieviti inoltre possono dare micosi cutanee: ad esempio quelli del genere Candida e Malassezia. Tra le più comuni infezioni, sono da ricordare la tinea pedis, l'onicomicosi e la candidosi.

L'Onicomicosi: l'infezione delle unghie

L'onicomicosi è un'infezione delle unghie causata da funghi, più frequentemente da dermatofiti ma può essere causata anche da muffe e da Candida. L’onicomicosi rappresenta più del 50% dei problemi alle unghie, colpisce circa 6,5 milioni di italiani tra i 40 e i 60 anni e può colpire sia le unghie delle mani sia soprattutto le unghie dei piedi e in particolare l’unghia dell’alluce.

L'infezione si instaura a causa della penetrazione dei miceti nello spazio che si trova tra la lamina dell'unghia e il letto ungueale (cioè la parte su cui poggia l'unghia). Di solito, il calore e l’umidità presenti nelle scarpe favoriscono la proliferazione della micosi. Il fungo responsabile dell’infezione penetra attraverso crepe e microfessure dell’unghia, abbatte lo strato di cheratina che la compone e ne trasforma il Ph da acido ad alcalino. Ne consegue una variazione di forma, tonalità e consistenza dell'unghia.

Si distinguono diversi tipi di onicomicosi:

onicomicosi subungueale disto-laterale se l'unghia è opaca e ispessita lungo il margine, senza o con modesta deformazione; generalmente, sotto il margine libero si accumulano detriti gialli. Questa condizione è quasi sempre una dermatofitosi;

onicomicosi totale distrofica se l'infezione fungina si estende all'intera unghia e quindi ne risulta un'unghia fragile e la presenza di detriti subungueali causa una dolorosa deformazione;

onicomicosi subungueale prossimale se si verifica un'infezione al di sotto dell'unghia, nella matrice; è piuttosto rara.

Come riconoscere l'onicomicosi: i sintomi

I sintomi della micosi ungueale, o onicomicosi in generale, comprendono:

- un aumento della fragilità e friabilità dell'unghia colpita;

- la deformazione dell'unghia;

- la lamina opaca e con differenti colori all'interno;

- un'infiammazione dei tessuti vicini all'unghia;

- le unghie infette possono inoltre sollevarsi e distaccarsi dal letto ungueale (onicosi), causare dolore, emettere cattivo odore.

La diagnosi la fa il dermatologo. Generalmente l'onicomicosi si rivela un problema di non grossa entità, dato che può essere curato facilmente se riconosciuto in fretta. La presenza di un'infezione all'unghia tuttavia può essere la manifestazione di una patologia sottostante, ad esempio una malattia vascolare periferica, diabete o immunodeficienza (3). In alcuni pazienti, la superficie dell'unghia appare bianca, polverulenta (onicomicosi superficiale bianca).

Come prevenire la micosi alle unghie dei piedi?

Per prevenire lo sviluppo di onicomicosi alle unghie dei piedi e ridurre il rischio di infezioni ricorrenti, è fondamentale una buona igiene dei piedi:

- tenere il più possibile i piedi asciutti e puliti, evitando luoghi molto caldi e umidi, soprattutto se frequentati da più persone (come gli spogliatoi delle palestre e le piscine);

- tenere le unghie corte, asciutte e pulite;

- indossare calze che permettano ai piedi di traspirare e cambiarle spesso, soprattutto se i piedi tendono a sudare eccessivamente: quando possibile, alternare le scarpe chiuse con scarpe aperte;

non tagliare le "pellicine" intorno alle unghie (per non facilitare l'accesso dei germi);

- non camminare a piedi nudi negli spogliatoi e nelle docce di palestre e piscine, in piscina indossare sempre le ciabatte fino al raggiungimento della vasca;

lavarsi bene le mani dopo aver toccato un'unghia infetta.

Onicomicosi rimedi

Per affrontare la micosi alle unghie occorre innanzitutto valutarne il caso specifico quindi capire subito se basta un trattamento cosmetico estetico o se a parere del medico si necessiti anche di un trattamento farmacologico antimicotico. La malattia dell'unghia infatti può fungere da serbatoio di funghi, rischiando di favorire una tinea ricorrente del piede (tinea pedis). Per la micosi ungueale i rimedi naturali consigliati potrebbero essere molteplici, sia in erboristeria sia a livello topico.

Innanzitutto potrebbe essere utile intervenire nei periodi intervallari della terapia farmacologica (in accordo col medico) o in prevenzione, assumendo ad esempio piante ad azione immunostimolante (Echinacea, Uncaria tomentosa, Rosa Canina..). In gemmoterapia il gemmoderivato d'elezione è generalmente il gemmoderivato di noce: le gemme di noce manifesterebbero infatti, oltre alle note proprietà eudermiche, attività inibente nei confronti dei miceti" ("Gemmoterapia", E. Campanini) e secondo Bruno Brigo di questo gemmoderivato si dovrebbero assumere generalmente “50 gocce 2 volte al giorno (ad esempio prima di colazione e prima di cena) oppure 70 gocce in un'unica somministrazione se associato ad altri gemmoderivati".

Per l’onicomicosi come rimedi naturali topici efficaci vi sono innanzitutto il pediluvio con acqua tiepida e sali di epsom (ottimi per l'effetto osmotico!) e, per chi volesse, anche qualche goccia di tea tree oil  e a seguire, dopo essersi asciugati bene, l’applicazione di un trattamento micosi specifico per eliminare la micosi che di solito può durare normalmente dai 3 ai 6 mesi, in base al caso specifico. Per gli amanti del naturale Erboristeria Como ha scoperto per voi un trattamento micosi  made in Como usato anche in molti centri estetici, naturale ed efficace.

Onicomicosi: rimedi naturali dal Lago di Como

Vari possono essere per la micosi ungueale i rimedi naturali ma tanti si possono trovare qui riassunti, tra gli ingredienti che convivono in sinergia in questi prodotti naturali contro la micosi alle unghie dei piedi: prodotti innovativi, semplici e naturali sono stati formulati da un'azienda sita sui monti del triangolo lariano specializzata nel settore estetico. Questa azienda ha saputo elaborare un trattamento antimicotico composto da due soluzioni che ci garantiscono un'altissima azione antimicotica permettendo di eliminare i funghi alle unghie dei piedi.

Due parole da erborista professionista sulle formulazioni di questi antimicotici naturali per unghie.

Nella prima soluzione vi sono argento colloidale ed equiseto. L’argento colloidale per la micosi è ottimo in quanto uccide i funghi presenti nella cheratina ungueale e anche i batteri patogeni che comunemente si accompagnano in ogni manifestazione micotica ungueale e debella i miceti annidati nell’unghia; l'estratto di equiseto è ricco di sostanze antiossidanti, silice e molecole con proprietà astringenti ed esternamente si utilizza generalmente per far ritrovare tono e elasticità alla pelle del viso e del corpo, per purificare la pelle e i capelli grassi, ma anche per rinforzare capelli e unghie. Nella seconda soluzione vi sono in sinergia:

- oli vegetali nutrienti, idratanti, ristrutturanti e rinforzanti (olio di mandorle, olio di ricinoolio di cocco e olio di semi di girasole che svolge un'azione ristrutturante a livello dei tessuti, stimolando il rinnovamento dell'epidermide e la ricrescita delle unghie (4));

- oli essenziali: l'olio essenziale di Tea tree è un ottimo antimicotico naturale per unghie, ma anche in tutte le generiche affezioni fungine. Il Tea tre oil è un disinfettante ideale per la pelle, sia perché agisce contro diversi microrganismi, sia per la buona penetrazione dermica e l’assenza di irritazioni anche con un uso prolungato per mesi; l’olio essenziale di cannella corteccia e l’olio essenziale di chiodi di garofano hanno azione antimicrobica ed antimicotica (4);

- oleoliti spagirici particolarmente nutrienti ed emollienti con attività purificanti, antimicotiche e antisettiche. In particolare l'oleolito di elicriso in cosmesi vanta spiccate proprietà astringenti, rinfrescanti, disarrossanti e lenitive su cute e mucose; l'oleolito di timo rappresenta un vero e proprio antibiotico naturale; l'oleolito di salvia contiene terpeni con spiccate proprietà antinfiammatorie essendo in grado di inibire la produzione di alcuni mediatori dell'infiammazione; al tujone in particolare si devono le proprietà disinfettanti della salvia.

Come applicare questo trattamento antimicotico? Basta applicare 2-3 volte al giorno sulla parte interessata qualche goccia del Trattamento Micosi1 e poi di Trattamento Micosi 2 facendo attenzione per ognuna delle due soluzioni a non appoggiare la pipetta sulla parte interessata e a stenderle con un cotton fioc una alla volta. Conviene poi lasciare il piede scoperto e far assorbire il prodotto. Nel caso non fosse possibile si può coprire l'unghia con una garzina prima di infilare la calza.

Dott.ssa Laura Comollo

Visita il nostro reparto di fitocosmesi oppure contattaci per eventuali chiarimenti o per maggiori informazioni.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI, IL PRESENTE TESTO NON E' RIPRODUCIBILE SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DI ERBORISTERIA COMO

BIBLIOGRAFIA:

(1) Dermatomicosi, Di Stefano Veraldi, Henry Harak, Agostino Persi, 2017

(2) Manuale di Fitoterapia, Capasso, 2006

(3) Roberts DT et al. Guidelines for treatment of onychomycosis. Br J Dermatol 2003; 148: 402-10

(4) Il grande libro dell'Aromaterapia, M. Valussi.